Skip to main content

GSE Fotovoltaico: Cambiare Fornitore Energia Senza Perdere l’Incentivo

Il GSE fotovoltaico rappresenta una delle soluzioni più sostenibili ed efficienti per la produzione di energia elettrica. Negli ultimi anni, grazie agli incentivi promossi dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE fotovoltaico), molte famiglie e aziende hanno scelto di investire in impianti fotovoltaici. Tuttavia, una delle domande più comuni tra chi beneficia di questi incentivi riguarda il possibile cambio di fornitore di energia elettrica.

È possibile mantenere gli incentivi GSE fotovoltaico anche cambiando fornitore? La risposta è sì, ma vediamo nel dettaglio come funzionano questi incentivi.

Il Sistema degli Incentivi GSE Fotovoltaico

Fotovoltaico

Gli incentivi GSE fotovoltaico in Italia sono stati introdotti per promuovere l’energia rinnovabile. Tra i principali meccanismi di incentivo troviamo lo “Scambio sul Posto” e il “Conto Energia”.

Questi sistemi prevedono contributi economici per chi produce energia da impianti fotovoltaici e la immette nella rete elettrica nazionale.

  • Scambio sul Posto (SSP)

Lo Scambio sul Posto è un meccanismo che consente ai produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili, come i pannelli fotovoltaici, di compensare l’energia immessa in rete con quella prelevata in momenti di necessità. In pratica, l’energia prodotta e non consumata                immediatamente viene immessa nella rete elettrica e può essere utilizzata successivamente quando l’impianto non produce energia (ad esempio di notte o in giornate nuvolose).

Il contributo dello SSP è calcolato in base alla quantità di energia immessa e prelevata, ed è erogato tramite bonifico bancario dal GSE fotovoltaico. Il contatore bidirezionale installato misura sia l’energia immessa in rete sia quella prelevata, permettendo così di determinare il  saldo energetico.

  • Conto Energia

Il Conto Energia è stato uno dei principali programmi di incentivazione per il fotovoltaico in Italia. Questo sistema prevedeva tariffe incentivanti per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici. Le tariffe erano differenziate in base alla potenza dell’impianto e alla tipologia (residenziale, industriale, ecc.), e venivano erogate per un periodo di 20 anni.

Il Conto Energia si è evoluto nel tempo attraverso diversi “conti” (I, II, III, IV e V Conto Energia), ognuno con regole e tariffe specifiche. Gli incentivi venivano erogati tramite bonifici periodici, con acconti mensili e conguagli annuali basati sulla produzione effettiva dell’impianto GSE fotovoltaico.

Cambio di Fornitore e Continuazione degli Incentivi GSE Fotovoltaico

offerta gas e luce

Uno dei dubbi più diffusi tra i proprietari di impianti fotovoltaici riguarda la possibilità di cambiare il fornitore di energia elettrica senza perdere gli incentivi GSE fotovoltaico. La buona notizia è che è assolutamente possibile cambiare fornitore senza che questo influisca sugli incentivi percepiti.

Quando si decide di cambiare il fornitore, il processo non comporta alcuna modifica all’impianto fotovoltaico o al contatore di produzione. Il contratto di fornitura con il nuovo gestore si limita a regolare la fornitura di energia elettrica prelevata dalla rete. Gli incentivi GSE fotovoltaico, infatti, sono gestiti separatamente e continuano ad essere erogati dal GSE tramite bonifici bancari indipendentemente dal fornitore scelto.

Procedura per il Cambio di Fornitore

Il cambio di fornitore di energia elettrica è un processo semplice e gratuito che può essere richiesto in qualsiasi momento.

Ecco i passi principali:

  1. Confrontare le offerte: prima di procedere con il cambio, è utile confrontare le diverse offerte disponibili sul mercato per trovare quella più conveniente in termini di costo al kWh e condizioni contrattuali.
  2. Richiedere il cambio: una volta scelta l’offerta, si può contattare il nuovo fornitore che si occuperà di tutte le pratiche burocratiche necessarie per il passaggio.
  3. Comunicazioni al GSE: in passato, era necessario comunicare al GSE fotovoltaico il cambio di fornitore. Tuttavia, le normative attuali non richiedono più questa comunicazione. Il GSE continua a gestire gli incentivi senza interruzioni, basandosi sui dati trasmessi dal distributore locale.

Vantaggi del Cambiare Fornitore di Energia Elettrica

immagine rappresentativa per articolo offerta gas e luce

Cambiare il fornitore di energia elettrica può portare a diversi benefici per i proprietari di impianti fotovoltaici GSE fotovoltaico. Tra i vantaggi principali vi sono:

  • Risparmio economico: il mercato libero dell’energia elettrica offre numerose offerte e tariffe competitive. Confrontando le diverse opzioni, è possibile trovare una tariffa indicizzata (Valore PUN mercato + spread) o fissa più conveniente rispetto a quella attuale, riducendo così i costi della bolletta elettrica.
  • Servizi aggiuntivi: alcuni fornitori offrono servizi aggiuntivi che possono risultare vantaggiosi, come assistenza tecnica dedicata, consulenze per l’efficienza energetica e monitoraggio dei consumi.
  • Maggiore flessibilità: nel mercato libero, i contratti di fornitura possono essere più flessibili rispetto al mercato tutelato. Questo significa che è possibile modificare le condizioni contrattuali o cambiare fornitore con maggiore facilità.
  • Sostenibilità: alcuni fornitori di energia elettrica offrono tariffe “green” che garantiscono la fornitura di energia da fonti rinnovabili. Questo può essere un ulteriore incentivo per chi possiede un impianto fotovoltaico e vuole ridurre ulteriormente l’impatto ambientale dei propri consumi energetici.

Come Scegliere il Miglior Fornitore di Energia?

Energiachiara è in grado di trovare la migliore soluzione per la tua bolletta luce.

Non perdere questa occasione, compila il form sottostante e ti invieremo una valutazione gratuita e senza impegno della tua bolletta della luce.

 




    Carica la tua bolletta*